COS’ È UNA YURTA ?

La ger (nome originale in mmongolo) o yurt (sinonimo russo) è la dimora tradizionale del popolo mongolo e delle popolazioni nomadi dell’asia centrale. La struttura è composta da uno scheletro in legno, con dei pali (uni) che si irradiano da un anello centrale (uni) posto sulla sommita. Molte delle tribu nomadi siberiane, come gli Tsataan, gli Altai-Uryankhai e i Tungus vivono negli tshum, dimore simili alle tipis o alle hooghan usate dai Navaho nel sud ovest dell’america settentrionale. Le yurte sono state create per essere smontate e rimontate con facilità in modo da permettere ai nomadi di spostarsi liberamente. Tuttavia l’importanza della yurta ed il suo significato simbolico rimangono invariati, ovunque venga montata.

La yurta rappresenta il centro dell’universo ma anche il microcosmo al suo interno. In effetti la forma ricorda la struttura dell’universo in scala con il soffitto inarcato che conduce al paradiso.

La parte frontale e l’ingresso della yurta sono sempre rivolti a sud. Il lato nord della tenda, detto hoinor si trova dietro al fuoco ed è considerato l’altare della dimora. Qui vengono disposti su un tavolo gli oggetti sacri e le immagini religiose. Il posto di fianco al hoinor porta un grande prestigio, di solito vi siedono gli anziani, I capi tribù, gli sciamani o altri ospiti d’onore. La parte occidentale è riservata agli uomini e ai loro oggetti: selle, archi e pistole. Il lato orientale è quello delle donne e degli oggetti da cucina. Ai giovani è riservato il lato sud, quello più lontano dall’altare.

Il percorso che lascia l’ombra della struttura segue un moto di senso orario. Quando ci si muove all’interno della tenda bisogna sempre seguire questo senso,lo stesso accade per le danze ed i rituali sciamanici.

Il centro della yurta, dove viene posizionato il fuoco, è il posto piu sacro in assuluto e viene chiamato gal golomt. Secondo le credenza locali, appartiene alla figlia del padre del paradiso, Golomto e viene trattato con il massimo rispetto. La yurta rappresenta il paradiso e il fuoco sta al centro di esso. L’ asse verticale che sale dalla stufa centrale corrisponde all’ albero che collega il nostro mondo a quello superiore, gli anelli di fumo fanno da tramite tra le due realtà. Quando durante i rituali, lo sciamano risale l albero e descrive il viaggio verso il mondo superiore.

mongoliangeryurt

A. forno per la cottura con il camino

B. Scatola di legno contenente le stoviglie

C. Tavolino basso per i pasti

D. Sgabello degli ospiti )l area degli ospiti e sulla destra)

E. Cassetti per gli oggetti personali

F. Armadio con altare e immagine di Buddha

G. Dispense per stoviglie e prodotti alimentari

H. Secchio d acqua

I. Attrezzi per la produzione dello Airak )latte di cavalla fermentato

J. Supporto per le selle

K. Saddle stand

Il modello circolare, allineato alle 4 direzioni viene mantenuto anche nelle cerimonie che gli sciamani svolgono all esterno come la danza intorno alla collina sacra dell ovoo, la danza circolare yohor intorno all albero toroo che permette allo sciamano di innalzare la sua energia verso il paradiso. Il moto del sole in senso orario viene ripreso nel le cerimonie di benedizione e in tutte le danze presenti nello sciamanesimo

L’evoluzione della yurta

Rappresentazioni esterne

Rappresentazioni interne

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •